iq business

home2.jpg

CLIMATIZZAZIONE CON MICRO-COGENERATORE A GAS

Micro cogeneratore a gas

Il Microcogeneratore a gas (MCHP) produce contemporaneamente energia elettrica e termica utilizzando direttamente l’energia pulita del gas (metano o GPL).Dotato di un motore endotermico che aziona un generatore può produrre, modulando, fino a 6 kW elettrici, inseguendo le richieste dell’utenza. Recuperando il calore del motore il Microcogeneratore può fornire fino a 11.7 kW termici sottoforma di acqua calda a 65°C. La microcogenerazione è, attualmente, uno dei sistemi più efficienti per produrre energia.

Produrre energia in cogenerazione significa sfruttare al meglio il combustibile ed evitare sprechi. Infatti il gas utilizzato dal motore endotermico del microcogeneratore, grazie al suo rendimento pari all’85%, viene quasi totalmente trasformato in calore ed elettricità. Grazie alla produzione combinata di energia elettrica e termica le emissioni di CO2 vengono tagliate del 40% rispetto alla produzione tradizionale. Il Microcogeneratore si configura come una mini-centrale elettrica su misura. La sua diffusione presso le piccole utenze renderebbe inutile la costruzione di nuove centrali a gas, carbone o nucleari evitando consumo di territorio ed un fortissimo inquinamento concentrato in un unico punto. L’utilizzo del Microcogeneratore ha immediati riflessi sulla riduzione dei costi per l’approvvigionamento elettrico e termico. Infatti grazie al principio della cogenerazione attraverso il processo con cui viene prodotta elettricità riusciamo ad ottenere anche calore. In pratica è come avere 2 energie al prezzo di una.

rendimento micro cogeneratore a gasGrazie al motore endotermico appositamente studiato si possono tagliare i costi di gestione. Infatti l’unità meccanica, oltre ad una comprovata affidabilità (oltre 40.000 ore di funzionamento testate), ha bisogno di manutenzione ordinaria solo ogni 10.000 ore. Alle 30.000 ore di funzionamento viene effettuato il cambio olio ed una revisione approfondita. L’efficienza della produzione di energia in cogenerazione è riconosciuta anche dallo Stato. Infatti grazie allo Scambio sul Posto l’energia elettrica non utilizzata può essere immessa in rete ricevendo un compenso pari al prezzo di mercato. A riprova dell’efficienza di questa pratica molte regioni prevedono per le nuove costruzioni che la cogenerazione possa sostituire il ricorso ai pannelli fotovoltaici. Il Microcogeneratore a gas è completamente adattabile alle esigenze dell’utenza finale.


Per questo motivo ha 2 modalità operative:

  1. Inseguimento elettrico:
    con questo layout il Microcogeneratore produce energia elettrica in maniera modulante, rispondendo alle richieste elettriche dell’utente in un range da 0.3 fino a 6 kW. L’inseguimento elettrico è possibile grazie all’inverter di cui l’apparecchiatura è dotata. Con questa modalità operativa anche la produzione termica è modulante.

  2. Priorità termica:
    Il settaggio prevede che l’apparecchiatura lavori producendo sempre il massimo sia della potenza termica (11.7 Kw) che di quella elettrica (6 Kw). L’acqua calda viene accumulata in un serbatoio fornito di termostato che regolerà accensioni e spegnimenti del Microcogeneratore. L’elettricità prodotta e non utilizzata verrà ceduta alla rete tramite contratto di scambio sul posto.


Grazie all'elettronica di cui è fornita l’apparecchiatura produce corrente elettrica con caratteristiche identiche a quella fornita dalla rete, con la quale può interfacciarsisenza alcun problema. Per quanto concerne l’utente è protetto da eventuali sbalzi di tensione e/o frequenza grazie alle protezioni di interfaccia integrate nel MCHP. Con il Microcogeneratore viene fornito un quadro di parallelo con tutti gli elementi necessari per il suo corretto funzionamento. Come optional è disponile un kit anti-blackout che può permettere all'unità di funzionare da generatore di emergenza in caso di mancanza di corrente elettrica. Il Microcogeneratore AISIN produce energia termica recuperando il calore del liquido di raffreddamento, dai fumi di scarico e dalle pareti del motore. Questo calore viene trasferito all'acqua tramite uno scambiatore a piastre.

indietro