iq business

home2.jpg

IMPIANTI GEOTERMICI CON PALI GEOTERMICI


Sono impianti che derivano calore dal sottosuolo utilizzando i pali in cemento armato di fondazione: cioè i pali che servono a sostenere gli edifici dove il terreno non ha la portanza necessaria e quindi richiede opere di consolidamento. Questi pali, che possono essere prefabbricati o gettati in loco, hanno diametri variabili da 0,4 a 1,5 m e possono raggiungere in lunghezza i 30-40 m. Al loro interno, e con ancoraggio alla loro armatura, sono installati i circuiti che derivano il calore dal sottosuolo e il cui sviluppo può essere ad U (come per le sonde geotermiche) oppure a spirale. I vari circuiti possono essere raccordati ai collettori all’esterno della fondazione o nella platea della stessa.
Il getto di calcestruzzo immesso nell’armatura consente, infine, di ottenere un buon scambio termico fra i circuiti e il terreno. Naturalmente questo sistema di captazione del calore può essere utilizzato solo nel caso di costruzioni nuove.

schema impianto casa geotermicoPali geotermici

D’altra parte è possibile anche un uso parziale del sistema in relazione al fabbisogno termico dell’edificio: è possibile, cioè, utilizzare solo parte dei pali di fondazione. Questa semplice e razionale tecnologia non comporta un elevato incremento dei costi e può rappresentare senz’altro una valida soluzione. Esige tuttavia, fin dalle prime fasi del progetto, un buon coordinamento (anche se in vero questa dovrebbe essere una regola da rispettare sempre) fra le opere generali e quelle idrauliche.

indietro